home | storia e tradizioni | il diario fotografico | il dopo-terremoto | documenti e info | come sostenerci | chi siamo
area riservata
Il diario fotografico
Festa di S. Giovanni
Il salto sul fuoco
|
vai alla gallery
| tutte le galleries

Un Consiglio per...
...Paganica
Qui tutto ciò che riguarda l'iniziativa "Un consiglio Per Paganica". Puoi scaricare Verbali, Ordini del giorno e documenti vari. Non perdere la prossima assemblea Mercoledì 6 febbraio alle 21
 
Su questo sito verranno inseriti i verbali delle riunioni del Consiglio Territoriale di Partecipazione (CTP) di Paganica, quando disponibili, e le informazioni più rilevanti che riguardano azioni ed iniziative del CTP. La pubblicazione di tali informazioni ha lo scopo di tenere informata la popolazione e di cercare di coinvolgere più cittadini possibili nei processi decisionali che riguardano il nostro paese.

L'iniziativa "Un Consiglio per Paganica", unico spazio di discussione pubblica che è rimasto attivo per circa 3 anni a seguito della soppressione delle Circoscrizioni, ha preferito lasciare al nuovo CTP, quale organo democraticamente ed ufficilmente eletto, la responsabilità di mantenere attivo tale spazio di partecipazione. Quindi, ad oggi, il CTP rappresenta l'unica possibilità che i cittadini hanno per confrontarsi pubblicamente sui problemi del paese.

Il 22 aprile scorso si è svolta una riunione del CTP in cui, tra i vari punti all'ordine del giorno, era prevista la discussione sul Piano Regolatore. In particolare la commissione tecnica del Comune incaricata di redigere il nuovo PRG ha chiesto ai CTP di fornire delle indicazioni circa le necessità principali del paese in termini di viabilità, spazi pubblici, aree verdi, aree di sviluppo artigianale, industriale, edilizio etc...

Riportiamo il verbale dell'assemblea ed il relativo allegato su cui si è basata la discussione. Le mappe incluse nell'allegato sono servite ad analizzare il PRG attualmente in vigore, per comprendere, innanzitutto, come le regole dettate dal PRG del 1975 siano state largamente disattese, precludendo ad oggi molti interventi in termini di viabilità, aree parcheggi etc...

Scarica il verbale del CTP del 22 aprile 2016
Scarica l'allegato
 
Di Admin (del 06/05/2016 @ 12:54:22, in Varie, linkato 180 volte)
 
Pubblichiamo il comunicato stampa elaborato dal Comitato No Biomasse di L'Aquila per  lanciare una campagna di raccolta fondi tramite la vendita di biglietti di una lotteria, finalizzata al pagamento delle spese legali e processuali contro l'insediamento della centrale nella zona industriale di Monticchio.
I biglietti posso essere acquistati a Paganica presso il bar Barrio (Via Ponte Grande), o contattando l'Associazione Salviamo Paganica via email all'indirizzo info[at]salviamopaganica.it



Il COMITATO NO BIOMASSE, costituito da liberi cittadini, imprenditori , associazioni locali, in campo da 7 anni  contro l'insediamento di un inceneritore di biomasse in località  Monticchio , rivolge un appello a tutta la cittadinanza per chiedere un contributo nel pagamento delle spese legali e processuali.

A seguito dell'iter giudiziario - che nel 2014  ha visto il TAR  favorevole alle posizioni dei cittadini, rigettate successivamente dal Consiglio di Stato che nel 2015 si è pronunciato con una sentenza molto poco limpida - soltanto  una ristretta parte della comunità aquilana si è accollata le ingenti spese legali e processuali.

L'impianto ha ottenuto una prima fase di approvazione in piena emergenza, a distanza di pochi mesi dal terremoto del 2009, ed è stato solo grazie alla pressione dei movimenti civici che si è approdati alle revoche delle due autorizzazioni rilasciate da Comune e Regione. 
Revoche che ora sono oggetto di ricorso al TAR da parte della società proponente.

La strada è ancora lunga per scongiurare l'insediamento dell'impianto, ma solo con l'interesse concreto di tutti sarà possibile proseguire la battaglia processuale contro questo ecomostro, altamente impattante dal punto di vista sanitario, ambientale e della qualità dell' economia locale, a vocazione prevalentemente turistica, artigianale e agropastorale.

Il conteggio attuale degli oneri sostenuti consiste in € 5.500,00 per le spese legali del ricorso al T.A.R., € 8.200,00 per le spese legali del ricorso al Consiglio di Stato, circa 10 mila euro ancora da definire da corrispondere in spese processuali per la bocciatura in Consiglio di Stato. 
Per un totale di circa 23.700 euro.

Sinora sono state  pagate parzialmente le spese legali per un importo di  € 3.700,00, grazie a  un' autotassazione delle associazioni locali.La campagna di raccolta fondi tra liberi sostenitori e  l' adesione popolare nella frazione di Monticchio , anche tramite il conto corrente n. IT 08C08327 03603 000000001946 del Comitato Civico " La Terra dei Figli",  ha portato in cassa  €  4.000.

La lotteria recentemente attivata e le successive iniziative sono perciò  finalizzate a raccogliere i 16 mila euro mancanti.
 Acquistare i biglietti sarà  come  investire sul futuro dei nostri figli in questa nostra amata terra Aquilana.
L'estrazione dei premi avverrà il 26 Giugno alle ore 23 presso il Campo Sportivo di Monticchio , in occasione della IV Sagra del Fagiolo. 

I biglietti della lotteria, al costo di 2.50 euro cadauno,  sono disponibili presso i seguenti esercizi commerciali che hanno finora aderito all' iniziativa:

- Andreoli abbigliamento (galleria Panorama)
- Edicola Ospedale S.Salvatore (L'Aquila)
- Edicola della Torretta
- Ristobar "Il Circuito" (s.s.17 est -zona Collemaggio)
- Bar " Lo Chalet della Villa " (L'Aquila)
- Bar " BARRIO" ( Paganica)
- Tabaccheria 62 (s.s.17 bivio Onna - vicino Brico)
- Bar Hotel "L'Aquila" (Scoppito)
- Parrucchiere " Hair Studio D' Alessandro" (s.s.17 ovest n.18)
- Dolci Aveja (Cavalletto d' Ocre)
 
Di Admin (del 20/01/2016 @ 09:10:03, in Onlus: Altre attività., linkato 341 volte)
 

Sul sito paganica.it curato dal nostro compaesano Fernando Rossi è stato pubblicato un interessante documento storico (qui il link) con il quale si sanciva l'ampliamento del Comune dell'Aquila con l'aggregazione di vari comuni, tra cui quello di Paganica, nel 1927.

Tra le motivazioni alla base della proposta di accorpamento redatta dal Podestà Adelchi Serena si trovano anche "elementi che impongono una pronta risoluzione dei vasti problemi economici, agricoli e turistici dell'alto aquilano che dal fascismo deve attendersi la sua resurrezione e il suo sviluppo oggi arrestato da minuscoli interessi localistici e da passive e frammentate resistenze".

Nonostante i vari tentativi di riconquistare l'autonomia che si sono succeduti nel corso del secolo scorso, riassunti qualche anno fa dall'altro nostro compaesano Claudio Panone (impegnato in prima persona nell'ultima lotta per l'autonomia negli anni 1987-1993) sul sito salviamopaganica.it (qui il link), Paganica rimane ancora oggi priva di quell'autonomia con cui potrebbe valorizzare il proprio territorio e migliorare la vivibilità del paese come accade in tanti piccoli comuni del circondario.

Probabilmente tante delle problematiche messe in evidenza dal Serena sono attuali ancora oggi; certo è che dal punto di vista economico la situazione che stiamo vivendo non può considerarsi legata alle conseguenze di quell'azione così lontana nel tempo e alle contingenze dell'epoca; piuttosto le cause possono ritrovarsi nella situazione economica e finanziaria nazionale e globale degli ultimi decenni e negli effetti del terremoto. Tuttavia la gestione del territorio, dell'industria, e del lavoro in generale e di ambiti ancora oggi attuali come quello turistico ed agricolo è di competenza delle amministrazioni locali, dal Comune della "Grande L'Aquila", alla Provincia e alla Regione, che quindi non possono non considerarsi estranei al degrado attuale e all'inviluppo in cui versa il nostro territorio.

Gli "interessi localistici e le passive e frammentate resistenze" sembrano essere anch'essi di attualità, sia per quanto riguarda la città dell'Aquila, sia per quanto riguarda il nostro più ristretto ambito territoriale di Paganica. Dal punto di vista amministrativo viviamo continuamente l'impossibilità di agire direttamente sul nostro territorio; dal punto di vista politico rimaniamo il più delle volte succubi delle decisioni venute dall'alto dei giochi di potere aquilani, senza alcuna possibilità di incidere a causa della mancanza di una rappresentanza politica forte e coesa (certo spesso causata dagli stessi cittadini paganichesi che, almeno negli ultimi 10-15 anni, con il loro voto non sono riusciti ad esprimere un numero di rappresentanti proporzionale alle reali potenzialità elettorali).

Se era vera nel 1927 per la città dell'Aquila la necessità di risolvere gravi problemi economici ed amministrativi, probabilmente tale necessità era presente anche nei territori e comuni limitrofi poi annessi al Comune dell'Aquila. Tuttavia se tali necessità permangono ancora oggi, a quasi un secolo di distanza, significa che quella scelta, almeno per quanto riguarda la situazione dei paesi ex-Comuni, non ha prodotto alcun effetto benefico; anzi, le frazioni spesso vivono in maniera amplificata tutte le problematiche politiche, lavorative, amministrative della città. Non avrebbe senso tornare a farci sentire e recriminare quell'autonomia sottrattaci durante il periodo fascista, con l'auspicio di diventare finalmente responsabili diretti del nostro destino politico ed amministrativo, nonché della ricostruzione e dell'auspicabile ricostituzione di una comunità più coesa e forte, e soprattutto cosciente del proprio ruolo attivo nel processo decisionale?

Scarica l'articolo
 
Di Admin (del 20/01/2016 @ 08:51:34, in Onlus: Riunioni direttivo, ecc., linkato 256 volte)
  Il Consiglio Direttivo si è riunito in data 16/12/2015 per la discussione dei seguenti argomenti:
  • Consegna definitiva dell'ambulanza alla Croce Rossa Italiana, Circoscrizione dell'Aquila.
  • Approvazione contributo di 100,00 per l'organizzazione degli eventi previsti per le festività natalizie in collaborazione con le altre associazioni paganichesi.

Scarica il verbale completo

 
Di Admin (del 26/11/2015 @ 09:14:56, in Varie, linkato 477 volte)
 
Comunichiamo e invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare all'assemblea pubblica del 27 novembre a San Gregorio (al Centro Civico presso il villaggio MAP), alle ore 21, in cui verranno esposti i recenti sviluppi e le prossime azioni da intraprendere per contrastare la realizzazione della centrale a biomasse.
Alla riunione interverranno tutti i presidenti dei Consigli Territoriali recentemente insediatisi.
Per maggiori informazioni è possibile scaricare il resoconto delle riunione di agosto e la successiva denuncia alla Procura della Repubblica a seguito dell'esito del ricorso al Consiglio di Stato.
A questo link, invece, è possibile scarica la locandina informativa dell'assemblea di venerdì 27.